Menola salata, Menole salate, Ritùnnu salàtu, Ritùnni salàti

Verificato
Menola-salata-Menole-salate-Ritùnnu-salàtu-Ritùnni-salàti.jpg
Provincia di Trapani, Italia
21 Via Giuseppe Verdi Trapani Sicilia 91027 IT

Menola salata, Menole salate, Ritùnnu salàtu, Ritùnni salàti

menola-salata-menole-salate-ritunnu-salatu-ritunni-salati

Prodotto inserito nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT)

Tipologia PAT : Preparazione di pesci, molluschi e crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi

Area di Produzione: Provincia di Trapani.

Scheda tecnica del prodotto agroalimentare tradizionale (P.A.T)

Territorio interessato alla produzione: Provincia di Trapani.

Descrizione sintetica del prodotto: Prodotto della pesca rappresentato dalla Menola e più  precisamente dalle specie ittiche: Spicara Smaris, Spicara maena e Spicara flexuosa.

Descrizione delle metodologie di lavorazione, conservazione e stagionatura: Ingredienti: Menole e sale marino di Trapani nel rapporto di 4:1/6:1. Lavorazione: i pesci interi vengono collocati nei contenitori in strati alternati con il sale per 24-48 ore; poi i pesci vengono lavati ed asciugati al sole per 48-72 ore e sono pronti per il consumo, oppure possono essere filettati e posti ad asciugare ancora per 24-48 ore e confezionati in vasetti sott’olio. I filetti troppo piccoli o quelli non interi vengono ulteriormente essiccati e triturati.

Materiali e attrezzature specifiche utilizzate per la preparazione e il condizionamento: Per la salagione vengono utilizzati contenitori di legno o latte di alluminio di 20-30 cm. di diametro, il coperchio è di legno, mentre il peso da porre sul coperchio è un blocco di marmo tra i 2 ed i 3 Kg., il lavaggio può avvenire con acqua dolce o acqua di mare pulita; per l’asciugatura i pesci vengono legati ad uno spago, inserito attraverso le orbite oculari, ed esposti al sole.

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura: Abitazioni private dei pescatori o le stesse imbarcazioni. Le menole salate, se non poste in vasetti, vengono tradizionalmente conservate nelle cantine o in ambienti freschi e asciutti, oggi anche in frigorifero.

Elementi che comprovino che le metodologie siano state praticate in maniera omogenea e secondo regole tradizionali per un periodo non inferiore ai 25 anni: La Naturalis Historia di Gaio Plinio Secondo cita la maenarum muria, letteralmente salamoia di menole, utilizzata col miele per la cura di ulcere orali.

I Ritùnni salàti sono citati nella poesia “A’ Praja”, datata 3 aprile 1952, del favignese Aurelio Giangrasso. Articoli vari di giornali.

Fonte Schede Pat: Regione Sicilia

Menola-salata-Menole-salate-Ritùnnu-salàtu-Ritùnni-salàti.jpg 4 anni fa
Mostro 1 risultato

Non abbiamo trovato nulla.

Mostro 0 risultati